Le frazioni di rifiuto raccolte in modo differenziato sono: organico, carta e cartone, plastica, vetro ed indifferenziato. Ogni tipologia di rifiuto ha un apposito contenitore posizionato sotto le piastre:

Organico Marrone

Plastica, Metalli e Alluminio Giallo

Carta, Cartone e Tetra Pak Bianco

Vetro Blu

Secco Residuo Indifferenziato Verde

Oli alimentari esausti

Per conferire le diverse frazioni di rifiuto differenziato rispettare i giorni di raccolta riportati nell’eco calendario. I contenitori vanno esposti all’esterno della propria abitazione o nei rispettivi contenitori condominiali dalle ore 22:00 del giorno prima della raccolta fino alle ore 06:00 del giorno di raccolta.

Organico | Contenitore Marrone

L’organico va inserito nel bidoncino/bidone Marrone usando buste biodegradabili/compostabili. I residenti in singole abitazioni, che producono piccoli quantitativi di sfalci e potature (max 20 kg) possono esporli all’esterno della propria abitazione in busta chiusa, di fianco al bidoncino da 20 litri nei giorni prestabiliti per la raccolta dell’organico. I residenti in condominio, che producono residui verdi dei balconi privati, possono utilizzare buste biodegradabili/compostabili e depositarle nel bidone condominiale verde.
L’ORGANICO NON VA IN DISCARICA L’Organico una volta raccolto viene inviato presso i centri autorizzati dal Consorzio Italiano Compostatori (C.I.C.) per la produzione di un ammendante compostato da impiegare in agricoltura o nelle attività di florovivaismo, noto come “Compost di qualità”. Il compostaggio è una tecnica attraverso la quale viene controllato, accellerato e migliorato il processo naturale a cui va incontro qualsiasi sostanza organica per effetto della flora microbica naturalmente presente nell’ambiente. Si tratta di un “processo aerobico di decomposizione biologica della sostanza organica che avviene in condizioni controllate (Keener et al., 1993) e permette di ottenere un prodotto biologicamente stabile in cui la componente organica presenta un elevato grado di evoluzione”; la ricchezza di humus, di flora microbica attiva e di microelementi fa del compost un ottimo prodotto, adatto ai più svariati impieghi agronomici, dal florovivaismo alle colture praticate in pieno campo.

Plastica, Metalli e Alluminio | Contenitore Giallo

La plastica i metalli e l’alluminio, vanno tutti assieme inseriti nel bidoncino da 50 litri o nel bidone condominiale giallo, esclusivamente in buste di plastica e non lasciati sfusi. Coloro che occasionalmente producono quantitativi maggiori di plastica o di metalli o di lattine e alluminio, possono inserirli in una busta di plastica e posizionarli all’esterno, di fianco al bidoncino/bidone giallo il giorno previsto per la raccolta della plastica metalli e alluminio. I contenitori in plastica in metallo e in alluminio vanno svuotati dai residui di bevande, cibo o altro, schiacciati (le lattine e la plastica) e poi inseriti nel bidone/bidoncino giallo.
LA PLASTICA NON VA IN DISCARICA La Plastica una volta raccolta viene inviata presso i centri autorizzati dal consorzio COREPLA, il Consorzio nazionale per la raccolta, il riciclaggio e il recupero dei rifiuti di imballaggio in Plastica prodotti. La plastica si ricicla e si trasforma MPS (Materia Prima Secondaria) con una vasta gamma di utilizzi finali. Le tecnologie di riciclo a disposizione permettono oggi di ottenere MPS con caratteristiche pressoché equivalenti al polimero vergine.
L’ALLUMINIO NON VA IN DISCARICA L’alluminio possiede caratteristiche ottimali per il riciclo: può essere riciclato al 100% e riutilizzato all’infinito per dare vita ogni volta a nuovi prodotti. Circa il 90% dell’alluminio prodotto dal nostro Paese proviene dal riciclo. Una volta raccolto separatamente l’alluminio viene avviato al recupero tramite il consorzio CIAL, Consorzio Nazionale per il Riciclo e il Recupero degli Imballaggi in Alluminio. I METALLI FERROSI NON VANNO IN DISCARICA Gli imballaggi in materiale ferrosi (barattoli, scatolette, latte, lattine,tappi, capsule, fusti e bombolette spray) sono riciclabili al 100% e all’infinito. Il Consorzio che li raccoglie e li porta a trasformazione è RICREA, Consorzio Nazionale per il Riciclo e il Recupero degli Imballaggi in Acciaio.

Carta, Cartone e Tetra Pak | Contenitore Bianco

La carta e il cartone, insieme alle confezioni in Tetra Pak vanno raccolti ed inseriti nel bidoncino da 50 litri o nel bidone condominiale Bianco, sfusi o in buste di carta. Non inserire la carta in buste di plastica. Coloro che occasionalmente producono quantitativi maggiori di cartone possono piegarlo, legarlo con della corda e posizionarlo all’esterno di fianco al bidoncino/bidone bianco, il giorno previsto per la raccolta della carta e cartone. Le confezioni di Tetra Pak vanno inserite nel bidone/bidoncino svuotate da residui di cibo, senza i tappi di plastica, che vanno inseriti nei contenitori della plastica.
LA CARTA, IL CARTONE E IL TETRA PAK NON VANNO IN DISCARICA La carta, il cartone e il Tetra Pak una volta raccolti vengono inviati presso i centri autorizzati dal consorzio COMIECO, il Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica. La finalità del consorzio è il riciclo e il recupero degli imballaggi di origine cellulosica, che seguono il trattamento necessario per essere trasformati in altra CARTA e CARTONE.

Vetro | Contenitore Blu

Il vetro va inserito nel bidoncino da 50 litri o nel bidone condominiale blu sfuso. Evitare di lasciare residui di cibo e bevande. Togliere i tappi di metallo o altro materiale e conferito secondo la tipologia. Non inserire ceramica, pirex e cristalli.
Il VETRO NON VA IN DISCARICA Il vetro una volta raccolto viene inviato presso i centri di raccolta autorizzati dal consorzio COREVE il Consorzio Nazionale per la raccolta, il riciclaggio e recupero dei rifiuti di imballaggio in vetro prodotti sul territorio nazionale. Il vetro si ricicla all’infinito e si trasforma in altro vetro.

Secco Residuo Indifferenziato | Contenitore Verde

Il secco residuo indifferenziato va inserito nel bidoncino da 50 litri nel bidone condominiale Verde chiuso in buste e non sfuso. Qui vanno inseriti tutti i rifiuti che non è possibile differenziare. Questa tipologia di rifiuto viene smaltita in DISCARICA.

Ogni rifiuto va posto nel suo contenitore. Ad esempio nel contenitore della carta deve esserci solo carta, non sono ammessi conferimenti difformi.
Sull’Eco Calendario è riportato, per le varie tipologie di rifiuto, quello che può essere conferito e quello che non può essere conferito.
I contenitori da lt. 20 di colore marrone sono stati distribuiti in comodato d’uso gratuito agli utenti e sono numerati.
E’ necessario, in caso di trasferimento, informare l’azienda, che provvederà a dare indicazioni in merito.

Centro di Raccolta Differenziata Ingombranti
Presso il Centro Raccolta, sito a Bazzano in Via Degli Opifici, è possibile conferire rifiuti ingombranti in modalità differenziata. Possono essere conferiti in particolare Ingombranti, RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), imballaggi di carta cartone, vetro, plastica, legno, alluminio, ferro, sfalci e potature, batterie, accumulatori, pneumatici e olio minerale esausto. I quantitativi accettati sono quelli di un utilizzo domestico. L’apertura al pubblico durante il periodo invernale è prevista il mattino dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle 13.30 mentre il pomeriggio solo il lunedì ed il mercoledì dalle ore 14.30 alle 17.30, sabato e domenica chiuso. Nel periodo estivo l’apertura al pubblico è prevista dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 17.30, il sabato dalle 8.30 alle 12.30, domenica chiuso. Si accede al centro raccolta forniti di documento di riconoscimento in corso di validità e se necessario altra documentazione richiesta dall’addetto. Fermo restando il regolamento del Centro Raccolta, possono accedere al centro anche le utenze non domestiche dopo apposita convenzione e con quantitativi specifici rifiuto per rifiuto. Qualora il rifiuto non fosse ritenuto idoneo, è facoltà del personale addetto respingere il conferimento. Possono conferire nel centro di raccolta esclusivamente i residenti del Comune dell’Aquila.

Avviso
Per le violazioni alle disposizioni elencate si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da € 25,00 ad € 500 ai sensi dell’art. 7 bis del D.Lg.vo n. 267/2000, secondo la procedura di cui alla Legge n. 689/1981, fatto salvo quanto disposto dagli art. 192 e 225 del D. Lgs. 152/2006 s.m.i. e delle altre norme speciali vigenti in materia anche penale, nonché quanto più puntualmente disposto dal Regolamento Comunale per la gestione dei Rifiuti Urbani approvato con la Delibera Consiglio Comunale n. 131/2008;
La responsabilità del procedimento ai fini dell’irrogazione delle sanzioni amministrative è affidata al Servizio di Polizia Municipale.

Vuoi conoscere dove
smaltire le varie tipologie
di rifiuti in tuo possesso ?

Consulta l'Eco Calendario in formato interattivo e segui la Raccolta Differenziata giornaliera.